TERME: RINNOVATO IL CCNL DEI 15 MILA ADDETTI DEL SETTORE SCADUTO DAL GIUGNO 2011

E’ stato sottoscritto oggi da Federterme/Confindustria con la Fisascat-Cisl e la Uiltucs-Uil l’accordo di rinnovo del CCNL per i 15 mila dipendenti delle aziende termali, scaduto fin dal 30 giugno 2011. La Filcams-Cgil non ha sottoscritto l’intesa, in dissenso con la nuova disciplina del trattamento economico di malattia.
“Si tratta di un rinnovo arrivato dopo oltre quattro anni di trattativa serrata, anche grazie al senso di responsabilità manifestato dalle sigle sindacali firmatarie – ha dichiarato Costanzo Jannotti Pecci, Presidente di Federterme/Confindustria – caratterizzata da numerosi stop and go in un quadro complessivo della contrattazione nel nostro Paese, che fatica a trovare punti di riferimento ed in cui il ‘fai da te’ è diventata ormai la regola.”.
“Credo di poter affermare senza tema di smentite – ha proseguito Jannotti Pecci – che il CCNL del settore termale, anche alla luce dell’intesa appena firmata, resta uno dei migliori tanto sul piano normativo che su quello economico.”.
“L’accordo – ha precisato Aldo Ferruzzi, Vicepresidente di Federteme con delega alle Relazioni Industriali – prevede l’introduzione di nuovi profili professionali e ulteriori forme di flessibilità  (lavoro extra e di surroga e nuova articolazione dei riposi domenicali) così da porre le imprese termali italiane in condizione di fronteggiare un andamento sempre più imprevedibile della domanda di cure e di benessere termali e consentire loro di competere ad armi pari con i concorrenti degli altri Paesi europei.”.
E’ stata, inoltre, razionalizzata l’intera disciplina della malattia, che presentava numerose incongruenze e sono stati apportati una serie di adeguamenti alla più recente legislazione di alcuni istituti contrattuali (congedi parentali, apprendistato).
Per quanto riguarda gli aspetti economici, le Parti hanno convenuto un aumento retributivo mensile  lordo a regime di € 90,00 (al IV livello), erogato in cinque rate con decorrenza da dicembre 2017 fino al 1° settembre 2019. E’ stata inoltre prevista un una tantum di € 100,00 a sanatoria del periodo pregresso.
Il nuovo contratto, che verrà a scadere il 30 giugno 2020 testimonia la volontà degli imprenditori termali italiani di dare comunque certezze ai propri collaboratori, pur in un panorama di riferimento in cui le difficoltà conseguenti alla recente crisi economica appaiono ancora lontane dall’essere superate.
 
Roma, 24 gennaio 2018
 
 
Per informazioni
tel. 06.8419416
 

Indagine esplorativa a manifestare interesse per gestione Terme Antonimina Locri

Il Consorzio Termale Antonimina Locri  - "Antiche Acque Sante Locresi" - intende effettuare un'indagine esplorativa finalizzata all'individuazione di soggetti interessati alla gestione delle attività termali organizzate ...

Terme di Porretta: il futuro è appeso alla nuova asta del 21 dicembre

I cittadini di Porretta Terme, ridente cittadina termale in provincia di Bologna, attendono con trepidazione che arrivi giovedi 21 dicembre, il giorno "dell'asta 2" come ormai viene chiamato, che potrebbe assegnare final...

Ponte di Legno (Br): nuovo Centro termale. Anzi, di Benessere

Ponte di Legno, piccolo comune in provincia di Brescia, noto soprattutto per essere la più grande stazione sciistica della Lombardia (100 Km di piste), va avanti col suo progetto di realizzare un Centro termale, incurant...

Terme di Sirmione: acquisito il Bogliaco Golf Resort

Terme di Sirmione Spa, azienda storica del settore termale e attiva nel turistico alberghiero,  è diventata proprietaria di Bogliaco Golf Resort s.r.l. acquisendone la totalità delle quote possedute da FGH (FrancoGnutti ...

Insediato nuovo Consiglio d’Amministrazione di FoRST

Si è insediato nella seduta del 30 novembre 2017 il nuovo Consiglio d'Amministrazione della FoRST, che sarà in carica per il triennio 2017-2019.

Convegno medico scientifico “Prevenzione e Salute” alle Terme di Sirmione.

La prevenzione nel terzo millennio. Il ruolo delle terme Le malattie croniche non trasmissibili (MCNT), principalmente malattie cardiovascolari, cancro, malattie respiratorie croniche e diabete, rappresentano l'epidemia...

  • Indagine esplorativa a manifestare interesse per gestione Terme Antonimina Locri

    Giovedì 01 Febbraio 2018 16:37
  • Terme di Porretta: il futuro è appeso alla nuova asta del 21 dicembre

    Lunedì 11 Dicembre 2017 12:44
  • Ponte di Legno (Br): nuovo Centro termale. Anzi, di Benessere

    Lunedì 11 Dicembre 2017 12:42
  • Terme di Sirmione: acquisito il Bogliaco Golf Resort

    Lunedì 11 Dicembre 2017 12:38
  • Insediato nuovo Consiglio d’Amministrazione di FoRST

    Venerdì 01 Dicembre 2017 14:59
  • Convegno medico scientifico “Prevenzione e Salute” alle Terme di Sirmione.

    Venerdì 24 Novembre 2017 11:05

CONVEGNO FACTORYMPRESATURISMO A FIUGGI - JANNOTTI PECCI: "PUNTARE SU CONTRATTO SVILUPPO PER SETTORE"

altUn contratto di sviluppo per il sistema termale, per rilanciare il settore secondo le specificità e come
antidoto anche alla fuga dei cervelli. A lanciare la proposta Costanzo Jannotti Pecci, presidente di Federterme, in occasione dell'inaugurazione, a Fiuggi, del quarto Accelerathon nazionale previsto dal programma FactorYimpresaTurismo, promosso da Mibact e Invitalia e dedicato alla mobilitazione dei giovani come
linfa vitale per idee innovative di impresa nel settore del turismo termale.

 

Indagine esplorativa a manifestare interesse per gestione Terme Antonimina Locri

News

Giovedì 01 Febbraio 2018 16:37

Il Consorzio Termale Antonimina Locri  - "Antiche Acque Sante Locresi" - intende effettuare un'indagine esplorativa finalizzata all'individuazione di soggetti interessati alla gestione delle attività termali organizzate nel nuovo stabilimento.

Pubblichiamo, in allegato, l'avviso esplorativo che non comporta impegni o vincoli di qualsiasi natura sia per gli operatori interessati, che per la società procedente.

Si segnala che il termine ultimo per la presentazione di eventuale manifestazione di interesse dovrà pervenire nei termini (ore 12.00 del 15 febbraio 2018) e secondo le modalità previste nel documento allegato.

 

Terme di Porretta: il futuro è appeso alla nuova asta del 21 dicembre

News

Lunedì 11 Dicembre 2017 12:44

I cittadini di Porretta Terme, ridente cittadina termale in provincia di Bologna, attendono con trepidazione che arrivi giovedi 21 dicembre, il giorno "dell'asta 2" come ormai viene chiamato, che potrebbe assegnare finalmente a un tanto cercato "terzo" la Società degli Alberghi e delle Terme.  Se questo avvenisse, tutti si dicono convinti che potrebbe finalmente ripartire quel motore (le Terme appunto) che ha fatto funzionare per decenni l'economia cittadina e quella di gran parte del territorio. Sul sito https://www.intribunale.net/dettaglio-immobile
è disponibile il dettaglio dei  6 lotti che andranno all'asta il 21 dicembre prossimo. Per un valore complessivo di 2.370.346 euro, saranno messi all'asta, rispettivamente: I vecchi stabilimenti Puzzola e Porretta Vecchia con annesso parco Najadi (lotto2), gli Hotel Salus 1 e 2 (lotto 3 e 4), l'intero complesso delle Terme Alte (lotto 5), nonchè 286.491 metri quadri di terreno boschivo relativi alla zona del monte della Croce (lotto 6 e 7). Non è incluso l'ex Hotel Castanea ora Hotel Delle Acque. Il curatore fallimentare, in accordo con il Giudice, ha deciso di non suddividere il grosso della proprietà termale in più parti, ma di mettere all'asta l'intero ammontare
dei lotti, come sopra descritti, in un'unica soluzione. I cittadini di Porretta Terme sperano in un acquisto finalizzato alla riqualificazione complessiva. Qualora anche questa seconda asta l'asta andasse deserta, auspicano una trattativa mirata ad un eventuale suddivisione dei lotti, ipotesi che potrebbe portare piccoli imprenditori interessati ai singoli alberghi o alle singole strutture a effettuare non solo un acquisto, ma anche una loro
riqualificazione.

Ponte di Legno (Br): nuovo Centro termale. Anzi, di Benessere

News

Lunedì 11 Dicembre 2017 12:42

Ponte di Legno, piccolo comune in provincia di Brescia, noto soprattutto per essere la più grande stazione sciistica della Lombardia (100 Km di piste), va avanti col suo progetto di realizzare un Centro termale, incurante delle polemiche sollevate da chi giudicava che la Regione fosse chiamata a investire  "troppi" soldi in due località se non proprio vicinissime, comunque nella stessa Provincia, quella appunto di Brescia. Si calcola che per  Ponte di Legno saranno necessari almeno 25 milioni di euro e quasi 20  per sistemare le Terme di Boario:  solo per il rifacimento del Grand Hotel sono previsti  11  milioni di euro. L'amministrazione comunale di Ponte di Legno non intende rinunciare a un progetto considerato "strategico". Mario Bezzi, presidente della Società che gestisce i 40 impianti di risalita della stazione sciistica, è convinto.  «Il grande sogno di dieci anni fa - spiega - ci ha permesso di installare i nostri impianti  che ci hanno messo sullo stesso piano dei più importanti comprensori nazionali e internazionali. Ora dobbiamo completare la nostra offerta turistica e all'interno di questo percorso il
benessere psico-fisico diventa un asset fondamentale. Con il nuovo centro termale, proporremo un'attrattiva che già hanno tutte le località alpine più importanti: Bormio, Brunico, Bressanone. In più contiamo di rivitalizzare anche le seconde case, ridando slancio all'economia locale". In realtà – come precisa il sindaco Aurelia Sandrini – "non si tratterà di un Centro termale convenzionato con il Servizio Sanitario Nazionale, ma di un Centro Benessere, sia pur dotato di acqua Termale". Del resto, basta guardare i disegni che sono stati diffusi con il Progetto, per rendersi conto che la filosofia di fondo dell'iniziativa è quella di integrare un'offerta  destinata ai
vacanzieri, con servizi di altissima qualità quale appunto un Benessere praticato in un ambiente unico. Il Centro Benessere ideato dall'architetto Casamonti, appare infatti come un crepaccio di un  ghiacciaio. Con una serie di
vasche sul fondo e un'altra posta a trenta metri di altezza quasi a contatto con le nuvole. Collegate tra loro da una scala monumentale che serpeggia appesa a pareti trasparenti per dare accesso - insieme a due ascensori - anche agli altri livelli dell'edificio, che esternamente ricalcherà a grandi linee il profilo delle vette del vicino massiccio del Castellaccio. Un Centro d'elite, insomma. Per persone che vogliono ritrovare il loro equilibrio psicofisico, dopo un'estenuante, lunga, giornata sugli sci.

 

Terme di Sirmione: acquisito il Bogliaco Golf Resort

News

Lunedì 11 Dicembre 2017 12:38

Terme di Sirmione Spa, azienda storica del settore termale e attiva nel turistico alberghiero,  è diventata proprietaria di Bogliaco Golf Resort s.r.l. acquisendone la totalità delle quote possedute da FGH (Franco
Gnutti Holding) e dalla Famiglia Negroni. Un'iniziativa – precisa un comunicato del Centro termale  -  che ha come obiettivo l'ampliamento della gamma dei servizi offerti con un prodotto di livello e con una storia ultracentenaria consolidata, gradito al mercato internazionale e sinergico con i servizi e le competenze dell'azienda. L'acquisizione amplia ulteriormente lo scenario imprenditoriale di Terme di Sirmione ( azienda che nel 2016 ha messo
in bilancio ricavi per 38,5 milionidi euro)  e porta gli investimenti effettuati nel periodo 2011-2017 ad oltre 60 milioni di euro. Nel Consiglio di Amministrazione di Bogliaco Golf Resort entra Margherita De Angeli, Direttore Generale di Terme di Sirmione, con la carica di Consigliere Delegato alla gestione operativa. Rimangono in Consiglio Alessandro Sassi, attuale Presidente del Consorzio Golf Region Lake Garda, come Consigliere Delegato in materia amministrativa e finanziaria e i Consiglieri Giuseppe Ciocca e Paolo Negroni. Lo stesso Paolo Negroni entra nel Consiglio di Amministrazione di Terme di Sirmione. Il turismo del golf è un settore in salute e il Lago di Garda con i suoi 9 campi uniti in un Consorzio rappresenta un punto di riferimento del golf italiano: nel 2016 dei
550mila green fee venduti in Italia, 150mila sono stati acquistati nelle strutture del Consorzio. Il Golf Bogliaco registra oltre 13mila presenze annue di giocatori esterni, di cui l'80% stranieri, provenienti principalmente da
Germania, Austria e Svizzera", sottolinea Giacomo Gnutti, Presidente di Terme di Sirmione e Presidente di Bogliaco Golf Resort. "Il razionale di questa operazione è insito nella sinergia delle competenze ed esperienze di entrambe le aziende che porterà ad elevare gli standard di qualità nella gestione di Bogliaco Golf Resort e a sviluppare l'attività golfistica e ricettiva tramite la capacità commerciale e di acquisizione di nuovi clienti di Terme di Sirmione, senza escludere il forte legame tra golf e salute. Questo rafforzerà il ruolo del Circolo Golf Bogliaco,
con i suoi oltre 200 Soci e un Consiglio Direttivo presieduto da Alessandro Antonelli". Il Golf Bogliaco,
fondato nel 1912, è il terzo golf più antico in Italia e vanta una posizione privilegiata che consente una splendida vista lago e un clima mite che permette di giocare tutto l'anno. Oltre al campo da golf di 18 buche, Bogliaco Golf
Resort comprende una struttura ricettiva di prossima apertura e un residence. Il Golf Bogliaco si trova a Toscolano Maderno a ridosso delle colline occidentali del lago di Garda. Nato nel 1912 dalla necessità di soddisfare le esigenze del crescente turismo inglese e tedesco, passata la parentesi bellica,  il ritorno dell'attività golfistica porta la data del 1952. Dal giugno 2004 il percorso viene ampliato a 18 buche. Oggi Bogliaco Golf Resort comprende un campo da golf con 18 buche, una club house, un residence di 14 appartamenti e una nuova
struttura ricettiva con 10 camere.

Insediato nuovo Consiglio d’Amministrazione di FoRST

News

Venerdì 01 Dicembre 2017 14:59

Si è insediato nella seduta del 30 novembre 2017 il nuovo Consiglio d'Amministrazione della FoRST, che sarà in carica per il triennio 2017-2019.

 

Videomessaggio del Presidente di Confindustria Vincenzo Boccia all’Assemblea Pubblica di Federterme tenutasi a Lacco Ameno il 14 ottobre 2017

 176 visitatori online
  • Inserzioniste
  • Inserzioniste
  • Inserzioniste
  • Inserzioniste
  • Inserzioniste
  • Inserzioniste
  • Inserzioniste
statuto

Calendario Eventi

Mese precedente Febbraio 2018 Prossimo mese
D L M M G V S
week 5 1 2 3
week 6 4 5 6 7 8 9 10
week 7 11 12 13 14 15 16 17
week 8 18 19 20 21 22 23 24
week 9 25 26 27 28

Confindustria

confindustria

Fondazione per la Ricerca Scientifica Termale

logo forst
logo_EBITERME_def
 
termeecamper
 
terme aperte 2016

Login - Area Riservata

Inserire il proprio nome utente e password, rispettanto i caratteri Maiuscoli/Minuscoli



Webmail

AddThis Social Bookmark Button

Version Iphone

Version Iphone by JoomTouch

Copyright © 2018 Federterme.it. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookies necessari per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per maggiori dettagli vai qui privacy policy.

Ho letto e accetto i cookies di questo sito