Terme di Agnano – Napoli Agnano Terme (NA) Campania

Terme di Agnano – Napoli Agnano Terme (NA) Campania

regione

TRATTAMENTI BENESSERE

Cure Termali

acque termali

Agnano si trova appena fuori Napoli, oltre la collina di Posillipo, al margine del Parco regionale dei
Campi Flegrei, zona di remota ma non del tutto sopita natura vulcanica. La località stessa, con il celebre ippodromo e le terme, si trova sul fondo di un cratere, oggi verdeggiante ma un tempo occupato da un lago, primo fra quanti costellano il golfo di Pozzuoli, fra Procida e Ischia. Un comprensorio che non ha uguali per paesaggi e per storia, in uno straordinario intreccio di suggestioni. La meraviglia più vicina è il cratere degli Astroni, che ha protetto al suo interno un lembo di natura selvaggia (boschi, paludi e macchia mediterranea), un tempo bandita di caccia dei Borboni, oggi riserva naturalistica. Quanto all’archeologia, c’è solo l’imbarazzo della scelta tra Pozzuoli e Baia, con le memorie del primo porto dell’Impero romano e di villeggiature esclusive. Per non dire del mito – Cuma e l’antro della Sibilla; il lago d’Averno con le porte dell’Ade; il capo
Miseno, legato alla figura di Enea –, con tutto quel che ne deriva in fatto d’aneddotica e di immortali suggestioni letterarie.
Le terme.
I ruderi delle grandi terme romane, organizzate su vari livelli lungo un fronte di 300 metri, sono la più diretta prova dell’importanza termale di Agnano Terme, che può contare su 72 sorgenti d’acqua variamente mineralizzata – a temperature comprese tra i 20 e gli 80 °C – e su quei soffioni che rappresentano la specificità dei Campi Flegrei. In effetti a rendere pressoché unica l’offerta del luogo sono certe saune naturali a calore secco, dette stufe di San Germano, che sfruttano emissioni gassose povere in vapore ma ricche in idrogeno solforato per un “bagno secco” o “sudatorio”, assai efficace nelle terapie delle malattie respiratorie e della pelle. Gli ambienti utilizzati per questo tipo di cure sono alcune grotte artificiali di antica costruzione, con temperatura ambientale crescente, da 40 a 70 °C. I trattamenti più convenzionali – bagni, fanghi e quant’altro – sono invece dispensati nello stabilimento eretto agli inizi del Novecento in eleganti forme liberty per volontà di Giuseppe Schneer, medico di origine ungherese. Oggi le Terme sono articolate in diverse aree: inalazioni (cura della sordità rinogena con reparto pediatrico e centro di ventilazione polmonare); fanghi e stufe. A queste strutture si aggiungono un centro di cura per le vasculopatie periferiche e la Day Spa Salus per Aquam con trattamenti estetici personalizzati, massaggi, fitness e un’esclusiva linea cosmetica termale.
L’acqua
• De Pisis. 30 °C salso-iodico-solfato-alcalina.
• Sprudel. 60 °C salso-iodico-solfato-alcalina.

Le indicazioni terapeutiche
Patologie circolatorie, della pelle, dell’apparato locomotore, dell’apparato respiratorio, ginecologiche, stomatologiche

Le cure termali.
Aerosol, docce nasali, inalazioni caldo-umide, insufflazioni, irrigazioni gengivali, irrigazioni nasali, nebulizzazioni, ventilazioni polmonari, bagni terapeutici, docce terapeutiche, idromassaggi, piscina termale, fanghi, grotte/stufe, peloidi diversi da fanghi, irrigazioni vaginali.

Altri trattamenti.
Cosmesi, fitness, ginnastica respiratoria, massaggi, programmi antistress, terapie fisiche.

IL TEMPO LIBERO

A Napoli, buona tavola e ricordi.
In città, alcune raccomandazioni per il buongustaio che ama gli ambienti d’atmosfera. La prima vi porterà a Santa Lucia, uno dei quartieri più caratteristici di Napoli, proprio nel borgo marinaro, ai piedi di Castel dell’Ovo. Il locale è La Bersagliera, fondato nel 1919, con arredi liberty e uno straordinario florilegio di ricordi legati a celebri frequentatori. La cucina è napoletana “verace” garantita: tagliatelle ai frutti di mare, frittura di paranza o il tradizionale coccio all’acquapazza; fra i dolci, pastiera, zuppa inglese e l’irresistibile babà. Per una pizza, l’indirizzo giusto è quello di Ciro a Santa Brigida, nella via omonima: anche qui ambiente anni Trenta e ingredienti di stretta osservanza: pomodori delle terre vesuviane, mozzarella come Dio comanda e quant’altro serve a guarnire, in gran dovizia tra terra e mare. A conclusione, due suggerimenti per un dopo pranzo in chiave ottocentesca: il Gran Caffè Gambrinus, all’inizio di via Chiaia, e la cioccolateria Gay-Odin, in uno dei suoi sette punti vendita lungo la straordinaria passeggiata di via Toledo.

Convenzione

Cure Bambini

Comune

Napoli

PROVINCIA

Napoli

Indirizzo

Via Agnano Astroni, 24