Terme di Castel San Pietro (BO) Emilia Romagna

Terme di Castel San Pietro (BO) Emilia Romagna

Castel San Pietro fu fondato tra il XII e il XIII secolo dai bolognesi in funzione difensiva; a causa della sua posizione – una sorta di porta d’accesso alla Romagna – il borgo fu spesso toccato dalle guerre e subì ripetute devastazioni fino a tutto il XVIII secolo e poi, di nuovo, durante la seconda guerra mondiale. Delle antiche difese restano tratti delle cortine e il Cassero, coronato da merlature ghibelline, in cui si apre la porta ad arco ogivale con le fenditure per il ponte levatoio; quasi intatto invece è l’antico impianto urbano a vie ortogonali porticate. Nella piazza centrale della cittadina sorge la settecentesca chiesa del SS. Crocifisso, con la facciata decorata da statue e il campanile dotato di ben 55 campane.
Le terme.
La qualità delle acque di Castel San Pietro è conosciuta sin dal 1337 allorché, durante un’epidemia di afta epizootica, la popolazione notò alcuni bovini che, dopo essersi abbeverati a una fonte, erano guariti dalla malattia. All’acqua vennero dedicati studi dall’anno successivo, quando Castel San Pietro ospitò l’Università di Bologna colpita da interdetto papale. Per le appurate proprietà terapeutiche delle sue acque, particolarmente indicate nei disturbi di natura epatica, la fonte fu chiamata in seguito “della Fegatella”.
Immerso in un parco secolare, il centro termale di Castel San Pietro fu originariamente edificato nel 1870, caratterizzandosi da subito per la decisa impronta medico-scientifica. Oggi questa tradizione, avvalorata dalla ricerca scientifica e comprovata dalla convenzione con il Servizio Sanitario Nazionale, è rinnovata ed estesa anche all’ambito estetico e del benessere. Accanto ai servizi di cure termali, terapie riabilitative e di fisiochinesiterapia, le terme propongono anche trattamenti estetici e di benessere, medicina estetica, attività di diagnostica medica. Per la comodità e il relax degli ospiti, l’Albergo delle Terme offre tutti i comfort e accesso ai reparti di cura e al centro benessere. Alla base di ogni trattamento, le proprietà terapeutiche scientificamente certificate delle acque sulfuree e salso-bromo-iodiche.
L’acqua.
Bagni. 14,5 °C solfurea. • San Donato. 18 °C salso-bromo-iodica.
Le indicazioni terapeutiche.
Patologie circolatorie, della pelle, dell’apparato digerente, dell’apparato locomotore, dell’apparato respiratorio, ginecologiche.
Le cure termali.
Aerosol, docce nasali, humage, inalazioni caldo-umide, insufflazioni, irrigazioni nasali, nebulizzazioni, politzer crenoterapico, ventilazioni polmonari, bagni terapeutici, docce terapeutiche, idromassaggi, idropercorso, piscina termale, fanghi, cure idropiniche, irrigazioni intestinali, irrigazioni gengivali, irrigazioni vaginali.
Altri trattamenti.
Acquaticità, chinesiterapia, cosmesi, ginnastica respiratoria, idrochinesiterapia,
massaggi, medicina estetica e benessere, piscina termale, programmi antistress, riabilitazione, terapie fisiche.

IL TEMPO LIBERO
Parco regionale dei Gessi Bolognesi e Calanchi dell’Abbadessa.
Tra Castel San Pietro e Bologna, sul lato occidentale della via Emilia, il Parco regionale è un complesso di fenomeni carsici di severa e straordinaria bellezza. Situato sulle prime colline bolognesi, comprende – attraverso un paesaggio mosso da un’alternanza di coltivi e boschi, costellato di case coloniche e ville signorili – vaste formazioni gessose e suggestive morfologie aride. Immersa in una folta vegetazione spontanea, la dorsale dei Calanchi dell’Abbadessa (le argille scagliose) ha una storia di milioni di anni).

Convenzione

Cure Bambini

Yes

Comune

Castel San Pietro Terme

PROVINCIA

Bologna

Indirizzo

Viale Terme, 1113