Terme di Telese – Località Telese Terme (BN) Campania

Terme di Telese – Località Telese Terme (BN) Campania

Il sito archeologico della colonia romana di Telesia – dotata di un ampio giro di mura, di un anfiteatro e altri notevoli edifici pubblici – è prova eloquente dell’importanza strategica del luogo, protetto come una rocca dalle montagne del Matese e dalle acque del Calore confluenti nel Volturno, ma al tempo stesso in comunicazione con due mari (il Tirreno di Napoli e l’Adriatico di Termoli) grazie alla strada del Sannio. Tutto questo fino al 1349 quando la città, assurta a sede di contea sotto i Normanni, venne distrutta da un terremoto che sconvolse anche il sottosuolo carsico della zona: laddove si erano verificati crolli di grotte, apparvero in superficie depressioni simili a crateri, col tempo invasi dal verde e in un caso dall’acqua a formare un laghetto; altrove, invece, affiorarono sorgenti sulfuree che impaludarono il territorio decretandone l’abbandono, salvo compensare il danno, a secoli di distanza. Le acque delle Terme di Telese hanno una tradizione antichissima. Le sorgenti sulfuree comparvero dopo il terremoto del 1349 che causò la fuoriuscita di acque minerali. Ben presto la loro fama si diffuse, essendosi rivelate utilissime per la cura delle malattie della pelle, dell’apparato digerente, dell’apparato respiratorio e dei reumatismi. Risale al 1734 la prima pubblicazione sull’argomento dal titolo “De acidulis telesinis dissertatio”, di Tommaso Bruni a cui seguirono nel 1819 le “Memorie sull’indole e sull’uso delle acque minerali di Telese” di Pietro Paolo Perugini e nel 1857 la “Guida medica per l’uso delle acque minerali di Telese” di Liborio Marone. La costruzione del primo centro e del Grand Hotel Telese che lo affianca si deve all’intraprendenza di una famiglia di imprenditori napoletani, i Minieri. All’interno del complesso termale le strutture storiche sono completate da nuovi padiglioni con centro benessere e piscine, una delle quali coperta e dotata di idromassaggio termale. Alla gamma di cure tradizionali si affiancano reparti specializzati nella riabilitazione neuromotoria e respiratoria, nelle terapie vascolari e in quelle dermatologiche per la cura della psoriasi, più un centro benessere termale con una propria linea di prodotti cosmetici. Per trarre il massimo beneficio dalle preziose acque curative, le Terme di Telese offrono programmi di cura personalizzati sotto stretto controllo medico.

L’acqua.
Telese. 20-21 °C sulfureo-carbonico-alcalino-magnesiaca.
Minieri. 20-21 °C sulfureo-carbonico-alcalino-magnesiaca.

Le indicazioni terapeutiche.
Patologie dell’apparato respiratorio, della pelle, dell’apparato digerente, del fegato e delle vie biliari, vascolari, dell’apparato muscolo-scheletrico, ginecologiche.

Le cure termali.
Aerosol, docce nasali, inalazioni caldo-umide, insufflazioni endotimpaniche, irrigazioni nasali, politzer crenoterapico, ventilazioni polmonari, cure idropiniche, bagni terapeutici caldi e freddi, docce terapeutiche, idromassaggi, fanghi, irrigazioni vaginali, percorsi vascolari, piscina termale calda, piscine fredde.

Trattamenti benessere.
Massaggi, Fitness, Cosmesi, Idrochinesiterapia, Programmi antistress, Chinesiterapia.

Altri trattamenti.
Chinesiterapia, ginnastica respiratoria, idrochinesiterapia, massaggi, terapie fisiche, riabilitazione, medicina estetica, programmi antistress, fitness,programmi remise en forme, prodotti healthcare, linea cosmetica.

Le Terme di Telese sono al centro di una suggestiva valle tra le riserve naturali del Parco Regionale dei Monti del Matese e del Parco del Taburno-Camposauro. Qui, attraverso percorsi sotterranei, le acque pure di montagna incontrano il respiro della Terra dando vita ad un’acqua sulfurea ricca di minerali benefici.
La tradizione di queste acque è antichissima, comparvero dopo il terremoto del 1349 e ben presto la loro fama si diffuse, essendosi rivelate utilissime per la cura delle malattie della pelle, dell’apparato digerente, dell’apparato respiratorio e dei reumatismi. La prima pubblicazione scientifica sull’argomento dal titolo “De acidulis telesinis dissertatio” di Tommaso Bruni risale al 1734 a cui seguirono, nel 1819, le “Memorie sull’indole e sull’uso delle acque minerali di Telese” di Pietro Paolo Perugini e, nel 1857, la “Guida medica per l’uso delle acque minerali di Telese” di Liborio Marone. Nella seconda metà dell’ottocento si diede inizio allo sfruttamento della risorsa con la realizzazione dello stabilimento termale. Nel 1877 l’imprenditore napoletano Eduardo Minieri se ne aggiudicò la gestione dando vita alla più antica azienda termale italiana ancora attiva. Diede grande impulso agli studi scientifici sulle acque che furono portate all’attenzione della classe medica in congressi nazionali e internazionali. Gli stabilimenti ebbero grande successo e, per rispondere alla crescente richiesta di soggiorni, costruì ed inaugurò nel 1891 il Grand Hotel Telese, il primo grande albergo della provincia con 75 stanze.
Oggi le Terme di Telese offrono ai visitatori un parco alberato di 15 ettari che ospita i padiglioni cura e due piscine sulfuree fredde per le malattie dermatologiche e del circolo venoso periferico. Alla gamma di terapie termali tradizionali si affiancano reparti specializzati per la cura della psoriasi, per la riabilitazione neuromotoria e respiratoria, inoltre un Centro Benessere Termale con una propria linea di prodotti cosmetici ed healthcare. Per trarre il massimo beneficio dalle preziose acque curative, le Terme di Telese offrono programmi di cura personalizzati sotto stretto controllo medico.
Il Grand Hotel Telese realizzato in un raffinato stile Liberty, dotato di ampi spazi verdi con due piscine scoperte e una coperta, offre servizi curati e personalizzati a chi desidera una vacanza wellness rigenerante con tutti i comfort ed a coloro che effettuano le cure termali comodamente fruibili sia nel Centro Benessere Termale annesso all’hotel che nel parco delle Terme di Telese.

Natura, cultura, attività ed enogastronomia.
La Valle Telesina e il Sannio beneventano offrono al visitatore paesaggi di straordinaria bellezza. Alte montagne che incorniciano colline coltivate a vitigni e uliveti secolari e vallate solcate da torrenti cristallini. Un panorama che al mutare delle stagioni esplode in uno spettacolo di colori godibile attraverso percorsi a piedi e in bicicletta. Il territorio è ricco di attrattive naturali: le doline carsiche di Montepugliano, il Lago di Telese, il Rio Grassano, il Parco Geopaleontologico di Pietraroja con il museo dedicato al piccolo dinosauro Ciro, il percorso avventura delle gole di Caccaviola, i Parchi Regionali del Matese e del Taburno-Camposauro ammantati di boschi rigogliosi. Un’area punteggiata da incantevoli borghi da visitare. Guardia Sanframondi con il Castello medievale, la barocca Cerreto Sannita, Sant’Agata de’ Goti e i suoi palazzi signorili, Cusano Mutri dal fiabesco centro storico. Un territorio incontaminato nel quale nascono l’Aglianico del Taburno e la Falanghina del Sannio, vini DOC protagonisti delle degustazioni offerte dalle numerose cantine. E ancora, carni, salumi, formaggi e prodotti della terra trasformati dalla sapienza contadina in eccellenze gastronomiche.

Convenzione

Cure Bambini

Yes

Comune

Telese Terme

PROVINCIA

Benevento

Indirizzo

P.zza Minieri, 1

Contatti